clomid 150 morning lunch and evening discount coupon for diovan hct cost of exelon medication zyrtec itchy eye drops price reasons to get off paxil cheap aussie viagraPreviste multe da 25 a 250 dollari in una metropoli che assiste a 300 investimenti mortali all'anno. Una sola eccezione, quella riservata ai medici" /> Previste multe da 25 a 250 dollari in una metropoli che assiste a 300 investimenti mortali all'anno. Una sola eccezione, quella riservata ai medici"> Previste multe da 25 a 250 dollari in una metropoli che assiste a 300 investimenti mortali all'anno. Una sola eccezione, quella riservata ai medici">

New York pensa a multare i pedoni che attraversano con gli occhi fissi sul cellulare

AVETE PRESENTE quelle persone che attraversano la strada scrivendo al cellulare o controllando WhatsApp, completamente avulse dal contesto? Bene, sappiate che può essere successo anche a voi. E avete rischiato tanto, considerando che in una metropoli come New York muoiono travolti dalle auto almeno 300 pedoni l’anno. Ebbene, la Grande Mela ha deciso di provare ad arginare il fenomeno con qualche deterrente, i soldi per esempio. Sono in arrivo multe – da 25 a 250 dollari – per chi attraversa la strada con gli occhi rapiti dal display del cellulare. Il provvedimento relativo è stato presentato al Senato dello Stato di New York con una sola eccezione, quella riservata ai medici.

Fino a prima dell’avvento dei cellulari la colpa degli investimenti era per lo più attribuibile alle vetture. Adesso le cose sono cambiate e il pedone, con la sua distrazione a prescindere da tutto e da tutti, gioca un ruolo decisivo. E gli incidenti di questo tipo aumentano. Già nel 2011 l’Organizzazione mondiale della Sanità aveva pubblicato un rapporto interamente dedicato alla sicurezza stradale e all’uso dei telefoni cellulari da parte dei guidatori e in esso aveva fatto un focus proprio sui pedoni, annotando che “la distrazione cognitiva derivante dall’uso del telefono cellulare riduce la consapevolezza delle situazioni e aumenta i comportamenti pericolosi, esponendoli ad un rischio maggiore di infortuni stradali”.